Investimenti minimi e designazioni aree a bassa occupazione tra le riforme.

WASHINGTON – Dipartimento Immigrazione (USCIS) pubblica una regola finale che ha prodotto una serie di modifiche significative al programma EB5 apportando la prima revisione significativa delle normative del programma dal 1993. La regola finale entrerà in vigore il 21 novembre, 2019.

I nuovi sviluppi nell’ambito della regola finale includono:

• Aumento degli importi minimi di investimento;

• Revisione degli standard per le designazioni delle aree di lavoro;

• Assegnazione della responsabilità di gestione delle designazioni delle aree direttamente alle agenzie preposte;

• Cambiamento delle procedure della rimozione delle condizioni ai fini di ottenimento della residenza permanente;

Nell’ambito del programma EB-5, le persone fisiche sono idonee alla residenza permanente negli Stati Uniti se effettuano gli investimenti necessari in un’impresa commerciale negli Stati Uniti e creano o mantengono 10 posti di lavoro a tempo pieno per lavoratori statunitensi qualificati.

“Quasi 30 anni fa, il Congresso ha creato il programma EB-5 per agevolare i lavoratori statunitensi, lanciare l’economia e aiutare le comunità in difficoltà fornendo un incentivo per gli investimenti di capitale straniero negli Stati Uniti”, ha dichiarato il direttore dell’dell’USCIS Ken Cuccinelli. “Fin dalla sua istituzione, il programma EB-5 ha perso di vista le intenzioni del Congresso.

Le nostre riforme aumentano il livello degli investimenti pur tenendo conto dell’inflazione negli ultimi tre decenni e limiteranno sostanzialmente la possibilità di “gerrymandering” (manipolazione) garantendo così l’investimento straniero nelle aree rurali e ad alta disoccupazione. Questa regola finale rafforza il programma EB-5 riportandolo al suo intento iniziale.”

 

Le principali modifiche includono:

• Aumento degli importi minimi di investimento: a partire da Novembre 2019, il livello di investimento minimo standard aumenterà da $ 1 milione a $ 1,8 milioni, il primo aumento dal 1990, tenendo conto dell’inflazione. La regola mantiene anche il differenziale minimo di investimento del 50% tra un area geografica designata e non designata, aumentando così l’importo minimo di investimento in un area a bassa occupazione da $ 500.000 a $ 900.000. La norma finale prevede inoltre che gli importi minimi di investimento si adeguino automaticamente all’inflazione ogni cinque anni.

• Riforme della designazione delle aree a bassa occupazione: la norma finale delinea le modifiche al programma EB-5 per far fronte alla manipolazione delle aree ad alta disoccupazione. A partire dalla data effettiva della regola finale, il dipartimento terminerà la capacità degli Stati di designare determinate aree ad alta disoccupazione; così saranno le agenzie designate ad apportare tali designazioni direttamente sulla base dei nuovi requisiti che limitano la designazione delle aree sulla base del censimento annuo.

• Chiarimento delle procedure per la rimozione delle condizioni ai fini dell`ottenimento della residenza permanente: la norma prevede che alcuni membri della famiglia dell`investiture principale debbano presentare una domanda separata per rimuovere le condizioni della residenza permanente. Il requisito non si applicherebbe a quei familiari che sono stati inclusi in primis nella petizione dell’ investitore principale.

Aumentando l’ammontare di investimento richiesto certamente disqualificherà investitori qualificati dall’ottenimento della residenza permanente negli Stati Uniti. Gli stati perderanno la capacità di designare le aree a bassa occupazione, e il procedimento di ottenimento della residenza potrebbe diventare più difficoltoso per alcuni membri della famiglia dell’investiture principale.

Poiché la nuova regola non entrerà in vigore fino al 21 Novembre 2019, è consigliabile che gli investitori presentino le pratiche al più presto possible per una revisione della practica secondo la vecchia normativa.